La commercialista Jessica Coco

Il Convento – Santuario di Maria SS. di Stignano ritorna ad essere sede di convegni e di levatura nazionale, come lo fu nel passato remoto ad opera del  longevo guardiano – restauratore, Padre Gerardo Di Lorenzo.

Con ospiti fissi personaggi di primo piano, come i vari Andreotti, Fanfani, Moro, Russo, rettori magnifici delle Università,  intellettuali, giudici, ecc. L’ultimo di rilievo fu il Convegno nazionale sul tema dell’anti-mafia, che vide protagonista, l’allora Procuratore nazionale, Pier Luigi Vigna, la sorella del giudice Borsellino, Don Ciotti ed altri esponenti di Libera.  Questa volta tocca all’Associazione Italiana Commercialisti Cattolici che, qui si riuniranno ei giorni 24 e 25 maggio per discutere di “Etica ed economia: il rispetto dei diritti fondamentali della persona” A suggerire il luogo, un tempo definito ‘oasi’ ci ha pensato la commercialista Jessica Coco (vedi foto), consigliera del direttivo ACC e delegata per la Puglia. Al riguardo ella ha dichiarato:  «Riteniamo utile discutere dei rapporti tra principi e diritti fondamentali della persona aprendo la strada all’incremento dei diritti fondamentali nella consapevolezza e tenendo conto della propria sfera di competenza, dell’intensità di tutela e dei criteri di rilevanza e applicabilità di ciascuna norma in ordinamenti diversi da quello di appartenenza. Noi commercialisti cattolici – ha precisato –  sentiamo il dovere di raccogliere l’appello di Papa Francesco che ricorda quanto sia fondamentale correggere modelli di vita di crescita irrispettosi e prendere coscienza della gravità dei problemi mettendo in atto un modello economico nuovo basato sulla fraternità e sulla equità. È fondamentale comprendere come lo sviluppo digitale, ad esempio, potrebbe mettere a rischio la libertà individuale e i diritti fondamentali delle persone>>.  Da qui – a quanto si legge nel comunicato stampa, diffuso in ogni dove- la necessità di discuterne in questo convegno, il primo in Puglia. L’occasione permetterà ai partecipanti di visitare i dintorni. Infatti,  Il 24 maggio, alle ore 17, è prevista una visita guidata ai luoghi di Padre Pio; alle ore 19, presso la Basilica inferiore della Chiesa di San Pio a San Giovanni Rotondo, padre Aldo Braccato celebrerà la Santa Messa. A seguire, alle ore 21.30, cena sociale presso Masseria Calderoso (agro di San Marco in Lamis). Il 25 maggio è previsto il convegno a partire dalle ore 9. Dopo l’apertura dei lavori affidata a Jessica Coco e i saluti delle autorità, interverranno:  Antonio Buccaro, presidente Unione Giuristi Cattolici di Foggia (“Il contratto ed il mercato: regole di correttezza e regole di validità”); Pasquale Pazienza, professore associato Università di Foggia (“Economia tra equità e benessere”); Mario Baccini, presidente Ente Nazionale per il Microcredito (“Microcredito sociale”); Marco Scillitani, Avvocato Foro di Foggia (“Diritti umani e umanità tra profitto ingiusto e ingiusta ricchezza”); Silvana Sinigaglia, avvocato Foro di Foggia, presidente COMM Famiglia Ordine (“La famiglia tra principi costituzionali ed economia”); Vincenzo Pepe, presidente nazionale Fareambiente.  Concluderà i lavori Marcella Caradonna, presidente nazionale Associazione Nazionale Cattolici Commercialisti. I lavori saranno moderati da Maurizio Boiocchi, docente di Marketing e Comunicazione Università IULM di Milano.  Da evidenziare, infine, che il convegno odierno, oltre ad essere organizzato dall’Associazione Nazionale Commercialisti Cattolici in parola, si è avvalso del  patrocinio di: Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Foggia e Lucera, Ordine degli Avvocati di Foggia, dell’Università di Foggia, Ordine dei Consulenti del Lavoro – Consiglio Provinciale di Foggia, Confindustria Foggia, Ente Nazionale per il Microcredito, Camera Civile di Foggia, Movimento Consumatori, Fareambiente – Movimento ecologista europeo, Agrocepi – Federazione nazionale agroalimentare, Meleam SpA.

 

Di Antonio Del Vecchio

Giornalista, scrittore e storico. Ha al suo attivo una cinquantina di pubblicazioni su tradizione, archeologia e storia locale.

Lascia un commento