Piace la formula adottata per l’edizione XXIII del Presepe Vivente di Rignano Garganico. Sempre più coinvolgente e sempre più proiettato verso la riscoperta degli antichi mestieri dei nonni, oltre che delle fede e della Natività Cristiana.

Nel più piccolo comune del Parco Nazionale del Gargano, che conta attualmente meno di 1900 abitanti, sono giunti oltre 6000 visitatori nel corso della prima serata dell’edizione 2022-2023. In stragrande maggioranza giovani e famiglie, che hanno potuto ammirare una quindicina di botteghe storiche ubicate lungo un percorso obbligato nel centro storico di origine medievale.

Alla fine del tragitto la Grotta di Gesù Bambino e l’area dedicata alla riscoperta e alla degustazione delle produzioni tipiche del posto a partire dal Pancotto realizzato dall’Azienda Agricola Di Carlo, passando per il vino dell’Azienda Gentile, l’olio extra-vergine di oliva dell’Azienda “La Masseriola”, il pane del Panificio Fratelli Resta, la musciska, il caciocavallo nostrano, le scarpedde, i ceci e altre prelibatezze prodotte dell’aziende Gargano Made In.

Soddisfatti la presidente del Comitato organizzatore, Pinella Gravina, il suo vice Matteo Nardella, il parroco e anima dell’evento Don Santino Di Biase e il sindaco Luigi Di Fiore.

Il pubblico ha apprezzato ancora una volta l’interattività dell’evento, il più importante della Puglia, dove è possibile essere coinvolti nei dialoghi delle comparte e compartecipare alla scoperta o riscoperta dei sapori e dei saperi del tempo che fu.

La presenza di animali da allevamento lungo il tragitto (galline, capre, pecore) hanno allietato i più piccini e tutti coloro che sono amanti delle tradizioni bucoliche.

Molto tangibile la presenza di giovani provenienti un po’ da tutto il Gargano, dalla provincia di Foggia e dal resto della Regione, a dimostrazione del fatto che l’evento è oramai entrato nel cuore e nelle menti di diverse generazioni che si sono susseguite negli ultimi 25 anni e ben 23 edizione del Presepe più bello d’Italia.

Apprezzatissima la Slitta di Natale inventata da Giggione, che ha portato in giro per le vie centrali del paese tantissimi visitatori della natività.

Dopo la data di ieri (26 dicembre 2022) si tornerà con l’evento il prossimo 6 gennaio 2023, quando arriveranno in loco tre splendidi Re Magi, che seguiranno una stella cometa tutta garganica per giungere fino al Castello Baronale di Rignano per omaggiare la nascita del Salvatore.

Per seguire l’intero evento:

Ecco la galleria fotografica dell’evento (26 dicembre 2022):

Di Angelo Riky Del Vecchio

Giornalista, scrittore ed Infermiere. Dirige il quotidiano sanitario nazionale www.assocarenews.it.