Rignano, panorama

Con l’approvazione dei regolamenti   riguardanti i principali servizi, si punta a snellire l’attività  amministrativa e funzionale del Comune di Rignano Garganico.

  Il tutto è stato approvato nell’assise elettiva di ieri sera. Lo si è fatto dopo una dibattuta discussione tra la maggioranza “Rignano che vogliamo”, guidata dal sindaco Luigi Di Fiore e l’opposizione della lista  “Patto per Rignano”, capitanata da Michele Ciavarella, amministratore comunale di lungo corso e sindaco della cittadina più volte.. Ad Aprire la seduta è stato il sindaco Di Fiore, preannunciando il vivo e maturato impegno dell’Ente, per sbrogliare la complicata matassa del Giro d’Italia, il cui passaggio più importante della tappa  Cassino – San Giovanni Rotondo  è costituito dalla salita Villanova – Rignano e dall’opportunità di vedere  il percorso su maxi-scherma di tipo panoramico, di cui si è già scritto.  Infatti, al momento non c’è alcuna certezza sulla rimessa a nuovo della SP n. 22 Rignano Scalo – Borgo Celano da parte della Provincia, avendo, quest’ultima, perso ogni competenza al riguardo, accentrata com’è nel calderone regionale. L’altro punto critico è la presunta realizzazione di due mini-appartamenti da realizzare su un’area malmessa della palestra comunale, aspramente criticata dall’opposizione. Il progetto rientra nel già finanziato DPRU.  In sostanza i punti approvati (i primi due all’unanimità) sono: Regolamento per la disciplina del conferimento dei servizi legali e degli incarichi di patrocinio legale giudiziale e stragiudiziale; Regolamento Generale delle entrate comunali; criteri generali per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi; Regolamento per la disciplina della concessione di beni a terzi.

Di Antonio Del Vecchio

Giornalista, scrittore e storico. Ha al suo attivo una cinquantina di pubblicazioni su tradizione, archeologia e storia locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.