Torna di nuovo a riunirsi il Consiglio Comunale di Rignano Garganico, presieduto dal riconfermato sindaco Luigi Di Fiore. Lo farà mercoledì 30 novembre, alle ore 17,30, per deliberare su un articolato ordine del giorno, composto da alcuni argomenti importanti per la vita e lo sviluppo socio-economica di una comunità, oppressa dalla fuga dei giovani e dal decremento della natalità.

Si comincerà, come al solito, con le comunicazioni del primo cittadino e a seguire le eventuali interpellanze e interrogazioni che saranno rivolte via via dagli eletti della maggioranza e della duplice opposizione di Uniti per Rignano e di “Evviva Rignano…”.

Subito dopo si entrerà nel vivo dei problemi con la discussione ed approvazione del programma per il Diritto allo Studio in vista del prossimo triennio. Si affronterà, poi, l’approvazione della convenzione per la gestione di funzioni e servizi unitamente al nuovo statuto del Consorzio intercomunale per l’integrazione e l’inclusione sociale.

Seguirà la presentazione delle linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti da realizzare nel corso del mandato consiliare. Tanto, ai sensi dell’articolo 46 del Decreto Legislativo n. 267 /2000 e dell’art. 20 dello Statuto Comunale.

Senza segretario comunale non si va da nessuna parte. Pertanto, si dovrà approvare con urgenza il rinnovo della convenzione di segreteria tra il Comune di Chieuti e quello di Rignano Garganico, al momento retto con acume e sapienza da Matteo Mimma.

Segue a ruota la ratifica della G.M. n. 50 del 4 /11/2022, attinente alla variazione d’urgenza al Bilancio di Previsione del triennio 2022/2024. Altresì occorre provvedere alla razionalizzazione periodica delle partecipazioni pubbliche dell’Ente per l’anno 2022, in osservanza dell’art. 20 del Decreto Legislativo n. 175 /2016.

Infine, l’assemblea consiliare dovrà esprimersi sulle iniziative intraprese dalla Coldiretti circa il cibo sintetico diretta all’ approvazione di una legge che vieti la produzione, l’uso e la commercializzazione degli anzi detti prodotti, a cominciare dalla carne prodotta in laboratorio, al latte senza mucche, ecc. e il sostegno della produzione Made in Italy, apprezzato in tutto il mondo.

Si raccomanda, in caso di presenza, l’uso della mascherina per la protezione delle vie respiratorie. La riunione sarà trasmessa anche via streaming.

Di Antonio Del Vecchio

Giornalista, scrittore e storico. Ha al suo attivo una cinquantina di pubblicazioni su tradizione, archeologia e storia locale.