Grande successo di critica e di pubblico per lo spettacolo musicale di ieri sera, a San Severo. Spettacolo, quest’ultimo, dedicato  al tenore napoletano Enrico Caruso

, ritenuto – a quanto recita il comunicato stampa che segue: <<…una delle più grandi voci del panorama musicale del secolo scorso, quello in programma venerdì 10 luglio 2020, a San Severo. Il concerto, organizzato dagli Amici della Musica nell’ambito della 51.ma rassegna musicale. Lo stesso si è svolto presso il chiostro della Parrocchia Santa Maria della Libera di San Severo alle ore 20.30 (porta ore 20). Ad esibirsi sono stati il tenore Costantino Minchillo, il pianista Michele Solimando e l’attore ed autore del reading teatrale Nazario Vasciarelli. Attraverso le letture sceniche e le parole del leggendario Enrico Caruso, pronunciate a poche ore dalla morte, i tre artisti racconteranno al pubblico il suo flusso di coscienza, gli esordi, la fame, al fortuna, i rapporti sentimentali con le donne della sua vita, la tragicità e la vergogna del tradimento della prima moglie e l’amore salvifico e tenero con la seconda moglie, il tutto senza rinunciare a colpi di scena e a momenti di simpatia legati ad aneddoti gustosi.Un interessante viaggio rivissuto attraverso il filo invisibile della traccia lasciata dalla immortale canzone di Lucio Dalla “Caruso”, un percorso che inizia nella Napoli di fine ‘800, da cantante-posteggiatore nei locali cittadini, fino a giungere ai successi artistici in America che lo incoronano come una star internazionale. Lo spettacolo è organizzato in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Spettacolo dal Vivo Roma, la Regione Puglia – Assessorato dall’Industria Turistica e Culturale, la Città di San Severo – Assessorato alla Cultura e l’Associazione Resonance>>. Costantino Minchillo /Diplomato in canto lirico con il massimo dei voti presso il conservatorio di musica “Giordano” di Foggia. Ha seguito master di alto perfezionamento tenuti da Maestri di fama internazionale come: M° Michael Aspinall, M° Sherman Lowe, M° Katia Ricciarelli, Mº Pietro Ballo. Ha frequentato l’anno preparatorio all’Accademia d’Arte lirica di Osimo, dove ha interpretato Ernesto nel Don Pasquale di G. Donizetti con la regia firmata dal M° Sergio Segalini.Nel ramo operistico ha debuttato ruoli in diverse opere tra cui il Conte d’Almaviva nel Barbiere di Siviglia di G. Rossini, Caronte nell’Orfeo ed Euridice di Luigi Rossi, il Conte Libenskof nel viaggio a Reims di G. Rossini, Beppe (Arlecchino) nei Pagliacci di R. Leoncavallo, Nemorino nell’Elisir d’Amore di G. Donizetti e Don Ottavio nel Don Giovanni di W.A. Mozart.

Di Antonio Del Vecchio

Giornalista, scrittore e storico. Ha al suo attivo una cinquantina di pubblicazioni su tradizione, archeologia e storia locale.

Lascia un commento